Don Luigi D’Errico Commendatore al Merito della Repubblica italiana

    Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, oggi, 29 dicembre 2020, ha insignito don Luigi D’Errico e altri 35 cittadini che si sono distinti nel campo della solidarietà del titolo di Commendatore dell’Ordine al Merito della Repubblica italiana. Don D’Errico si è distinto «per il suo quotidiano impegno a favore di una politica di reale inclusione delle persone con disabilità e per il contrasto alla povertà e alla marginalità». A don Luigi gli auguri di tutta la comunità diocesana, che gioisce per questo riconoscimento ed esprime il suo ringraziamento a don Luigi per il suo impegno e la sua testimonianza evangelica.

    Nato a Roma 58 anni fa, don D’Errico dal 2007 è parroco della chiesa dei Santi Martiri dell’Uganda nel quartiere Ardeatino ed è referente del settore disabili e catechesi dell’Ufficio catechistico della diocesi di Roma. In parrocchia don D’Errico ha avviato da tempo un’esperienza esemplare di catechesi per e con le persone disabili. Il suo obiettivo è quello di essere «una vera comunità che accoglie lavorando sul pregiudizio». Importante in questo senso è il lavoro di rete messo in atto con le famiglie dei disabili.

    Ma il suo impegno non si ferma alla disabilità. Da sempre portatore di una politica di vera accoglienza per quanti soffrono condizioni di disagio sociale, tra le sue iniziative si segnala l’istituzione delle case famiglia “Rifugio per Agar”, dedicata a donne e bambini vittime di maltrattamenti, e “Casa Betlemme”, per accogliere famiglie senza dimora, in collaborazione con altre parrocchie.

    La sua parrocchia offre inoltre, anche attraverso uno straordinario coinvolgimento dei parrocchiani, servizi di distribuzione di pasti caldi ai senza tetto, doposcuola per bambini in difficoltà, un centro di ascolto, assistenza domiciliare per gli anziani, aiuti alimentari.

    29 dicembre 2020