Le Messe a San Giovanni in Laterano e gli auguri del cardinale De Donatis: «Un bambino è nato per noi»

    «La notte di Natale ascolteremo queste parole del profeta Isaia: “Il popolo che camminava nelle tenebre ha visto una grande luce. Su coloro che abitavano in terra tenebrosa una luce rifulse. Hai moltiplicato la gioia, hai aumentato la letizia”. Il mio augurio è che queste parole possano arrivare a tutti gli abitanti di Roma, gli abitanti di questa città, a questo popolo numeroso. Che ognuna le possa sperimentare vere nella propria vita. E che questa gioia sia per tutti una gioia sorgiva perché un bambino è nato per noi. Ci è stato dato un Figlio. Il mio augurio è questo per tutti». Così il cardinale vicario Angelo De Donatis augura un buon Natale a tutta la comunità diocesana di Roma. E invita a partecipare alle due celebrazioni che si terranno nella basilica di San Giovanni in Laterano.

    Una fiaccola che arriva da Betlemme, portata dagli scout fino a Roma, accenderà le candele sull’altare della cattedrale. Inizierà così, con un lucernario carico di significato, la Messa della Notte di Natale che si terrà il 24 dicembre, alle ore 23.30. A presiederla sarà il cardinale De Donatis.

    I canti scandiranno i vari momenti della serata: prima la veglia, con «la preghiera dei salmi e l’ascolto di alcuni testi biblici e patristici», come anticipa il direttore dell’Ufficio liturgico del Vicariato padre Giuseppe Midili. Poi la Messa, concelebrata dai canonici della basilica. Il capitolo lateranense concelebrerà con il cardinale vicario anche la mattina successiva, il 25 dicembre alle ore 10.30, la Messa della Natività.

    23 dicembre 2019