«Difendere il pianeta per difendere le sue creature»: il presidente dell’Europarlamento Sassoli al primo incontro sulla Laudato si’

    «Non ci si può prendere cura della nostra casa comune, senza denunciare e combattere le ingiustizie e senza prendersi cura dei nostri fratelli e sorelle, soprattutto quelli più poveri e bisognosi». Il cardinale vicario Angelo De Donatis è intervenuto così, ieri sera (lunedì 11 novembre), al primo incontro del ciclo “Insieme per la nostra casa comune”: una serie di appuntamenti per riflettere sull’enciclica Laudato si’ di Papa Francesco, in programma un lunedì al mese fino a giugno nella basilica di San Giovanni in Laterano. Ospite della prima serata il presidente del Parlamento europeo David Sassoli, mentre Elena Sofia Ricci ha letto alcuni brani dell’enciclica e il Cantico delle creature di san Francesco d’Assisi.

    «L’enciclica del Papa ci indirizza in un cammino in cui il coraggio e la capacità di dialogo devono manifestarsi e svilupparsi – ha detto il presidente dell’Europarlamento –. Un’enciclica che è conciliare. Cita tutti: i padri ortodossi, teologi protestanti, i vescovi della Chiesa cattolica. È un’enciclica che racconta i sentimenti di uomini che hanno perso la bussola e cercano di ritrovarla». Sassoli ha parlato a braccio per quasi un’ora, al leggio ricavato da un tronco offerto dalle Suore di Santa Maria dell’Acero. «Questa enciclica riconcilia tutto sulla capacità di difendere il pianeta per difendere le sue creature. Questione sociale, economica e ambientale sono le stesse facce di una questione che abbiamo di fronte a noi». E allora l’Europa che cosa può fare?, si è chiesto il presidente del Parlamento europeo. L’Europa, la risposta, «non può servire solo gli standard di vita degli europei. Dobbiamo custodire qualcosa che valga non solo per noi, ma per tutti gli altri». «Se non riusciamo a fermare il meccanismo della globalizzazione, cerchiamo di regolarlo. Come fare? Il Papa ci dà il segreto: il dialogo. Con le altre religioni, con gli uomini, tra i popoli».

    Il cardinale De Donatis ha concluso la serata con l’invito a «non sottrarsi alle proprie responsabilità». «Nessuno può negare ogni responsabilità, è Dio a chiedercelo prima ancora delle generazioni future». Quindi, un gesto simbolico: il dono di un albero di mandorlo, che rappresenta la rinascita della natura dopo il freddo dell’inverno, a David Sassoli.

    Leggi l’intervento integrale del cardinale vicario

    12 novembre 2019