La Messa alla Grotta: «Bernadette ci invita ad aprirci al nuovo»

    È iniziata con la Messa alla Grotta la giornata di oggi, martedì 27 agosto, per gli oltre cinquecento partecipanti al pellegrinaggio diocesano a Lourdes. A presiederla il cardinale vicario Angelo De Donatis, che ha esordito sottolineando come il santuario mariano sia per tutti «un luogo familiare», dove c’è «una Madre che, come ogni madre, non ci lascia sulla porta».

    «Oggi il Signore vuole dare novità alla tua vita personale, familiare e comunitaria – ha detto ancora il porporato –. Siamo qui, come diocesi di Roma, a chiedere anche la novità per la nostra Chiesa. Quante volte anche le nostre parrocchie si sono arroccate su false sicurezze di benessere pastorale, sul “si è sempre fatto così”. Quante volte ci siamo chiusi per pochi eletti, credendo di avere tutto e evitando di percorrere le strade della vita quotidiana… Bernadette ci invita ad aprirci al nuovo, in questo tempo favorevole, in questo giorno della salvezza, in questa ora della Misericordia».

    Nel giorno in cui la liturgia ricorda santa Monica, il cardinale De Donatis ha concluso la sua omelia soffermandosi sulla figura della madre di sant’Agostino: «Lei – ha detto – ha pregato e ha pianto perché il figlio potesse tornare a sentirsi povero, pronto ad accogliere Dio e ad abbandonare le vie del peccato e della menzogna». Quindi l’esortazione finale: «Signore, oggi la Chiesa di Roma qui rappresentata, vuole essere davanti a Maria come una madre che piange, come Monica. Aiuta i nostri figli a tornare poveri, a sentirsi bisognosi di Te. Fa’ che le nostre comunità possano sentire il grido di tanti che attendono amore e giustizia. Fa’ che possiamo abitare con il cuore, lì dove vive ogni uomo che ti attende».

    Leggi l’omelia completa

    27 agosto 2019