«Dio vi ha voluti qui a Roma per dare il vostro contributo»: i battesimi dei catecumeni appartenenti alle comunità internazionali

    «L’attesa mette alla prova i nostri desideri e, se sono autentici, li fa crescere: sono certo che in questi mesi abbiate sentito crescere il desiderio dei sacramenti nel vostro cuore. E oggi, finalmente – è il caso di dirlo –, il desiderio giunge alla meta: all’unione piena col Signore Gesù, mediante il battesimo, la cresima, l’Eucaristia». Nella festa dei santi Pietro e Paolo, patroni di Roma, il cardinale vicario Angelo De Donatis ha celebrato, nella basilica di San Giovanni in Laterano, la Messa con il battesimo dei catecumeni appartenenti alle comunità internazionali (gli altri catecumeni, lo ricordiamo, hanno ricevuto i sacramenti dell’iniziazione cristiana nelle loro parrocchie di appartenenza). Un giorno di festa per Claudia, Ivone, Luigi Francesco, Shkelzen, Robin, Michael.

    Il cardinale ripercorre il cammino verso i sacramenti intrapreso dai sei. Diverso, in questo 2020 segnato dalla pandemia, da quello che era stato preventivato. «Qui, nella cattedrale di Roma, abbiamo vissuto insieme il rito di elezione a fine febbraio – ricorda il porporato –. Non potevamo immaginare, allora, quello che avremmo affrontato di lì a poco a causa del coronavirus: la chiusura di quasi tutte le attività, la quarantena a casa, le notizie angoscianti, il distanziamento, la sospensione di tutte le celebrazioni. Ci saremmo dovuti ritrovare a Pasqua per completare la vostra iniziazione cristiana, e invece siamo stati costretti ad aspettare. Voi per primi avete atteso, accompagnati dai vostri catechisti».

    In cattedrale erano presenti rappresentanti della Missione Cattolica Latinoamericana, della Comunità Albanese, della Comunità Malgascia e della Comunità Ghanese, che il cardinale vicario non ha mancato di salutare e ringraziare. «Quest’anno ho voluto che i battesimi dei catecumeni appartenenti alle comunità internazionali fossero celebrati insieme in cattedrale – ha sottolineato il vicario –: è un segno dell’affetto che abbiamo per voi e dell’unità della Chiesa che nasce da molti popoli. Oggi simbolicamente sono riunite qui tutte le comunità internazionali presenti in Roma. Ricordate questo: per la Chiesa e per la città di Roma voi siete una ricchezza». Neppure Pietro e Paolo, ha rimarcato il cardinale De Donatis, «erano romani di nascita».

    «Pietro e Paolo – ha insistito nell’omelia – non sono nati romani, ma sono diventati romani, perché qui hanno dato la vita per Cristo. Alcuni di voi sono arrivati a Roma da pochi anni, altri vivono qui da lungo tempo. Qualcuno è venuto per motivi di lavoro, qualcun altro per ritrovare la famiglia, qualcuno per lasciarsi alle spalle una situazione difficile. Non importa il motivo per cui siete arrivati. L’importante è che vi sappiate accolti e che abbiate fede in Dio, che vi ha voluti qui a Roma per dare il vostro contributo. Non siete ospiti, ma concittadini, e avete una missione da svolgere, sia nella Chiesa che nella società».

    «Oggi – ha aggiunto – viene spontaneo ricordarci di quei luoghi della terra dove non è possibile seguire la chiamata di Dio senza rischiare la vita, quei luoghi dove i nostri fratelli cristiani sono perseguitati a causa della loro fede. Essere qui a Roma, nel centro della cristianità, ci aiuta a ricordarci di loro con affetto e a pregare per tutti loro».

    Leggi l’omelia del cardinale De Donatis

    30 giugno 2020